DETRAZIONE 50%: OK ANCHE PER CAMINETTI E STUFE A LEGNA E PELLET

Il chiarimento arriva direttamente dall’Agenzia delle Entrate: la detrazione è applicabile anche in assenza di ristrutturazioni edilizie.

L’INSTALLAZIONE DI APPARECCHI A BIOMASSA, SIA AD ARIA CHE IDRO, PUÒ FRUIRE DELLA DETRAZIONE DEL 50% in quanto finalizzata a conseguire un indexrisparmio energetico, ai sensi dell’articolo 16-bis lettera h) del Tuir.

Questa, in estrema sintesi, la risposta fornita a un quesito posto da un contribuente e pubblicata lo scorso 3 luglio su FiscOggi.it, la RIVISTA TELEMATICA DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE. L’Agenzia precisa che la detrazione è fruibile per l’installazione di apparecchi a biomassa “QUALI CAMINETTI E STUFE A LEGNA O PELLET, SIA AD ARIA CHE IDRO, E CALDAIE A LEGNA O PELLET”.

Un aspetto importante è dato dalla possibilità di beneficiare della detrazione “ANCHE IN ASSENZA DI UNA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA VERA E PROPRIA, IN QUANTO PREVISTA ANCHE NEL CASO IN CUI L’INSTALLAZIONE SIA REALIZZATA IN ASSENZA DI OPERE EDILIZIE PROPRIAMENTE DETTE.”

L’Agenzia ricorda inoltre gli altri requisiti richiesti:

  • l’installazione deve essere effettuata da un tecnico qualificato, tenuto per legge a emettere regolare certificato di conformità (Dm 37/2008);
  • è necessario farsi rilasciare la certificazione tecnica del produttore della stufa, che ne indichi le capacità termiche;
  • occorre pagare le fatture con bonifico bancario o postale e, in dichiarazione dei redditi, inserire i dati catastali dell’immobile su cui si interviene.

Va sottolineato che la detrazione del 50% si applica alle spese sostenute fino al 31 dicembre 2014; la percentuale scenderà al 40% dal 1° gennaio 2015 e al 36% dal 1° gennaio 2016.

L.R. Fumisti di Marca