Tratti orizzontali e troppe curve sono una causa di problemi di tiraggio.

Se il diametro della canna fumaria è corretto e la canna fumaria è ben isolata, ma si presentano ancora problemi di tiraggio la causa può essere collegata alla lunghezza del tratto orizzontale e al numero di curve (cambi di direzione).

1)Tratto orizzontale del canale da fumo.

Il Tratto orizzontale del canale da fumo, cioè del raccordo tra stufa o caminetto alla canna fumaria, va realizzato in relazione alla tipologia di apparecchio utilizzato.

Nel caso di stufe a pellet munite di elettroventilatore il tratto orizzontale previsto dalla norma UNI 10683 può avere una lunghezza massima di 4 metri. Per le stufe a legna invece il tratto orizzontale può avere una lunghezza massima di 2 metri.

Per caminetti a focolare aperto e a focolare chiuso la norma UNI 10683 vieta la presenta di un tratto orizzontale.

Attenzione, ricorda che queste indicazioni della norma UNI 10683 si applicano solo nel caso in cui non ci siano istruzioni fornite dal fabbricante dell’apparecchio.

2) Curve (cambi di direzione) nel canale da fumo.

Nelle stufe a pellet e stufe a legna la norma UNI 10683 ci consente di effettuare fino a 3 cambi di direzione a 90° compreso quello derivante dall’allacciamento dell’apparecchio alla canna fumaria.

Per i caminetti a focolare aperto e a focolare chiuso sono ammessi solo 2 cambi di direzioni a 45°.

Attenzione, ricorda che queste indicazioni della norma UNI 10683 si applicano solo nel caso in cui non ci siamo istruzioni fornite dal fabbricante dell’apparecchio. Per i caminetti inoltre è possibile effettuare un cambio di direzione a 90° previo calcolo fluido dinamico EN 13384-1.

 

Per conoscere le altre cause dei problemi di tiraggio leggi il nostro articolo: “3 errori da non commettere per evitare PROBLEMI DI TIRAGGIO della canna fumaria.”